Che ci sia ognun lo dice, dove sia nessun lo sa. Ovvero, l’Araba Fenice

invalsi-buratino_zpsybgeu6egVeramente: nessun lo dice, nessun lo sa…

Abbiamo saputo, tramite lo studio legale che si occupa del caso del Maestro Flavio Maracchia obiettore di coscienza contro la somministrazione delle prove INVALSI, qualche notizia sul ricorso

avverso il DPR 28/03/2013 n. 80 (regolamento del sistema nazionale di valutazione) che l’FLC-CGIL ha presentato al TAR-Lazio in data 13/09/2013 e per i motivi aggiunti il 14/11/ 2014.

In breve: Il TAR non ha ancora messo in calendario l’esame e l’attesa si protrarrà ancora per qualche mese. Ciò potrebbe volere dire che il ricorrente non ha chiesto, e/o comunque non ha ottenuto, la sospensiva e la procedura d’urgenza. Ma significa anche che i giochi non sono chiusi.

Continua a leggere

Scuola in chiaro????

scuola_in_chiaro PNGIl lavoro ai fianchi dell’INVALSI da parte della FLC-CGIL è un po’ patetico, vagamente farsesco. Vengono sottoposte a critica questioni relative ad alcuni aspetti dell’attività dell’Istituto, senza avere mai il coraggio di portare a termine, almeno dal punto di vista politico, in attesa di riscontro giurisprudenziale, la denuncia di incompetenza e di eccesso di potere su cui si regge tutto l’impianto del Sistema Nazionale di Valutazione (SNV), ovvero il contenuto del famoso ricorso al TAR, depositato nel 2013 e di cui abbiamo già varie volte parlato. Come se denunciare il SNV potesse però consentire una operazione di restyling dell’INVALSI (ritocco alla sua carrozzeria…), salvandolo dalla necessaria e non più rimandabile eliminazione. Continua a leggere

Docenti Contrastivi? Esposto/Denuncia al MIUR

logoANP*** COMUNICATO STAMPA – PSP-Partigiani della Scuola Pubblica ***

I Partigiani della Scuola Pubblica denunciano formalmente al MIUR i contenuti del PDF prodotto, diffuso ed utilizzato dall’ANP (Associazione Nazionale Presidi) durante i seminari di aggiornamento dei Dirigenti scolastici sulle linee-guida del PTOF ( Piano Triennale dell’Offerta Formativa) , una innovazione introdotta dalla Riforma Renzi-Giannini.
In questo documento rivolto ai Dirigenti, infatti, sono contenute delle aperte istigazioni alla violazione di diritti costituzionali ai danni dei docenti, riferibili agli articoli 1-21-33-98.

Continua a leggere

Pubblicato in NEWS

Mozione di indirizzo sul Comitato di Valutazione e sull’elezione di 2 suoi membri Per il Collegio dei Docenti dell’IC di Torre del Lago del 17 dicembre 2015

document-40600_640In relazione al punto dell’ODG del Collegio Docenti del 17 dicembre 2015 relativo all’elezione di due membri del Comitato di Valutazione, il Collegio Docenti dell’IC di Torre del Lago dichiara quanto segue.

In merito alla valorizzazione dei docenti, la Legge 107/2015 (art.1 commi 126-127-128-129) ha introdotto la possibilità di assegnare un bonus, precisando che questo è una “retribuzione accessoria”, assegnata ogni anno dal Dirigente Scolastico (con una motivata valutazione), in base a criteri espressi dal Comitato di Valutazione dei Docenti.

Continua a leggere

Commento a “La Foresta a scuola”

sole24oreIl Sole 24 Ore ,13 dic.2015, Scarpe strette, rubrica di Pietrangelo Buttafuoco

La Foresta a scuola

Più natiche che sedie, 49 mila sono gli insegnati che hanno trovato lavoron nella scuola: Sono stati assunti nella cosiddetta “fase C”. E’ il famoso potenziamento dell’ancora più celebre “Buona Scuola” ed è il mito vittorioso – ultimo arrivato – dell’italia acculturata e Renzista.

Non è chiaro – non avendo collocazione – a cosa siano stati chiamati tutti questi neo-assunti o neo-immessi che dir si voglia. Si sta tutti in piedi in aula professori. E i quasi 50mila della “fase C”, gratificati – buon per loro – di uno stipendio che spetterà loro per sempre, sono stati assegnati nelle loro destinazioni senza neppure avere dove sedersi. Non hanno alcun ruolo a scuola e i “C” – fortunati in virtù del loro C – , detto crudamente, nell’Italia acculturata e renzista sono stati assunti e però non servono.

Se mi è concessa una metafora siciliana è la forestalizzazione dell’istruzione (laddove gli operai forestali, in Sicilia quasi 21mila, sovrabbondano in ragione di clientele elettorali più dei boschi).

I 49mila posteggiati in sala docenti a non fare nulla, bene che vada sono chiamati a riempire qualche ora buca (ma attenzione: possono essere chiamati a far toppa solo per sostituzioni fino a 10 giorni). Le scuole con i presidi svelti hanno giustamente predisposto piani di “affiancamento”. Praticamente, una sedia per due. Ma già con l’andazzo normale le cose vanno maluccio figurarsi con il potenziamento.

Nella suggestione acculturata e renzista, dunque, la sostanza della “fase C” è risolta nella forestalizzare, ovvero, la trasformazione definitiva della scuola italiana : da parcheggio generazionale per gli studenti a posteggio sociale per gli insegnanti .

La “Buona Scuola”, quindi, buona a far nulla.

Continua a leggere

Pubblicato in NEWS

Assemblea 20 gennaio

imagesAssemblea autoconvocata delle scuole di Roma e Lazio

Roma 20 gennaio 2016

Giornata di approfondimento confronto ed autoformazione su organico funzionale e comitato di valutazione

 

Il movimento contro la “buona scuola” di Renzi, Giannini e treelle, dopo la dura lotta sostenuta lo scorso anno, ha subito in questa fase una chiara battuta d’arresto causata dalla stanchezza e passività dei lavoratori, ma anche dalle evidenti responsabilità dei sindacati maggiormente rappresentativi.

Nonostante ciò alcune cose continuano a muoversi e tra queste è particolarmente importante l’avvio di un percorso unitario per la costruzione dei referendum abrogativi e la nascita di un Coordinamento Nazionale delle Scuole contro la L.107.

 

Continua a leggere

Riprendiamo la mobilitazione: documentazione della seconda sessione dell’assemblea del 29.11.2015

iononcistoL’incontro nazionale delle scuole, riunito a Roma il 29 novembre 2015, dopo aver deciso all’unanimità di intraprendere l’ipotesi del percorso referendario, inserendo il referendum sulla scuola in una tornata unitaria sui temi sociali come lavoro e ambiente, prendendo in considerazione l’ipotesi di accompagnare anche il percorso dei referendum istituzionali, ha focalizzato la sua attenzione sui principali temi legati alla mobilitazione contro la legge 107.

Le tematiche su cui si è trovato un accordo comune e che verranno affrontate nelle varie realtà locali sono le seguenti:

Continua a leggere

Pubblicato in NEWS

Aggiorniamo la LIP per vincere il referendum: all’abrogazione della 107 affianchiamo la nostra idea di una scuola davvero buona

intestaNei lunghi mesi passati siamo stati impegnatissimi nella lunga campagna contro la Pessima scuola.

Per fortuna come bagaglio di viaggio indispensabile per contrastarla – sia nelle scuole che nelle piazze che in Parlamento – avevamo il faro della Lip.

Ora che la Pessima scuola è legge raccoglieremo le firme per abrogarla tramite un referendum.

In questa fase avremo bisogno, ancora e di più, di una nuova Lip che affianchi la nostra lotta “contro” dandole spessore e prospettiva “per”. Solo affiancando la richiesta di cancellazione della “loro” scuola incostituzionale con una diversa idea di scuola di e per tutte e tutti potremo convincere e vincere.

Continua a leggere

Delibera del LSS Pasteur di Roma sul comitato di valutazione

Di seguito la delibera del LSS ‘Pasteur’ di Roma, la prima in Italia ad aver ottenuto, DUE MESI FA, il risultato di non eleggere E NON FAR ELEGGERE i membri di competenza del Collegio Docenti nel comitato di valutazione.

Il collegio dei docenti del L. S. S. “Louis Pasteur” di Roma, in relazione alla designazione della componente docenti nel comitato di valutazione previsto dalla legge 107/15, ritiene che:

Continua a leggere