Appello dell’assemblea sindacale del Benedetto da Norcia di Roma

imagesAI SINDACATI IMPEGNATI NELLA TRATTATIVA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA

(Ai dirigenti  sindacati di FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal)

 

Veniamo informati dai vari giornali e dai vostri siti che ci sono stati già due incontri  sul rinnovo del contratto della scuola (l’ultimo del 15 gennaio) ed una intesa con l’Aran il 30 novembre. 

Leggendo nel vostro “Comunicato unitario”, a termine dell’ultimo incontro con la controparte del 15 gennaio, scopriamo che tra i vari temi c’è pure l’estensione della legge Brunetta sotto la voce di “procedure disciplinari”.

Continua a leggere

Non si può firmare un contratto così!! Gli 85 euro promessi non bastano (e nemmeno ci sono)!

mgafonoGli 85 euro promessi non bastano (e nemmeno ci sono)!

NON SI PUO’ FIRMARE UN CONTRATTO COSI’ !!

Subito MOBILITAZIONI e SCIOPERO:
servono aumenti veri per tutti e un reale contrasto della legge 107

A 3 mesi dall’Appello per un vero contratto (www.appellocontratto.com), che chiedeva una mobilitazione per ottenere aumenti per tutt* che recuperino i 300 euro persi in questi anni e un effettivo contrasto della “Buonascuola”, qual è la situazione della trattativa e cosa si può fare?

Prima di Natale è stato firmato il contratto Funzioni Centrali (Ministeri e Enti), che di solito viene preso a modello per gli altri comparti: istruzione, sanità ed enti locali. Il rinnovo per gli anni 2016-18 è del 3,48%, ovvero 85 euro lordi medi (45 netti), a regime dal 1 marzo, per dare una mancia temporanea agli stipendi più bassi e con arretrati dei 26 mesi precedenti di appena 460 euro medi lordi (erogati prima delle elezioni). Una miseria a 10 anni dall’ultimo contratto, vista la perdita del potere d’acquisto e l’aumento dei carichi di lavoro. Per di più si prevede il welfare integrativo, la programmazione dei “permessi 104” ed i principi della “Madia-Brunetta”: differenziazione del salario aggiuntivo per merito, atti unilaterali dei dirigenti, limiti alla contrattazione e un nuovo e ambiguo “Organismo paritetico per l’innovazione”.

Continua a leggere