Appello di docenti per il No alle modifiche costituzionali

NoreferendumSiamo docenti della scuola: pubblica, laica, pluralista, democratica.
Ci sentiamo vincolati ai principi della Costituzione Italiana e alla funzione che essa assegna alla Scuola, luogo di promozione dell’emancipazione umana, del sapere critico e della libertà di pensiero.
La Costituzione entra ogni giorno, come creatura viva e pulsante, nel nostro agire e nelle nostre aule.
Ne insegniamo la genesi antifascista, lo spirito unitario dei costituenti, i valori cui si ispira  ed i contenuti imprescindibili: il lavoro a fondamento della Repubblica, della dignità umana e come diritto inalienabile, la parità dei diritti, il ripudio della guerra, la partecipazione democratica, la tutela dei beni comuni e del patrimonio artistico e culturale, la libertà di pensiero e di espressione, l’uguaglianza, la ricerca scientifica e tecnologica libera,  la sovranità popolare.   Continua a leggere

Votiamo No al Referendum Costituzionale

referendum-voterò-noInvitiamo le RSU, i lavoratori, gli studenti e i genitori ad organizzare iniziative nelle scuole per discutere della Riforma Costituzionale e per portare avanti le ragioni del NO. 

Votiamo No al Referendum Costituzionale

Il governo Renzi, non soddisfatto di aver duramente attaccato i diritti dei lavoratori e delle classi meno abbienti con una serie di leggi deleghe (in primis Jobs Act e Buona Scuola), vuole torcere in senso autoritario la Costituzione, mediante una legge di modifica costituzionale, che affiancata alla legge elettorale Italicum, ridurrà ulteriormente gli spazi di agibilità politica. Infatti in nome della governabilità per gli interessi della Troika (FMI, BCE e Commissione Europea), consegnerà la maggioranza dell’unica camera elettiva ad un partito di minoranza. Tutto questo in un Governo che mediante le leggi deleghe e gli innumerevoli decreti legislativi ha già nei fatti sottratto il potere legislativo al Parlamento, trasferendolo a se stesso. Ricordiamo che in base al principio di separazione dei poteri, previsto dalla nostra Costituzione, il Governo è detentore del potere esecutivo e non di quello legislativo. Con questa riforma si vuole prendere anche quello legislativo, e mettere una serie ipoteca anche su quello giudiziario. Continua a leggere

Ultimi banchetti a Roma per la raccolta firme per i referendum sociali

     Logo_referendum_sociali VENERDI   24                            

-  ore 10 – 13 ,  V.le DELLA PRIMAVERA -MERCATO COPERTO

                          

- ore  19 – 24 ,  V.le de’ COUBERTIN – Ingresso Auditorium  (Spettacolo De Andre’)

·

- ore  20 – 23  SCUP , V. STAZIONE TUSCOLANA (La notte delle streghe)

·

- dalle ore 19, exSnia, V. PRENESTINA 173 (Cibo territorio e conflitto )

                                                                                             

      SABATO   25           

 - ore 20 – 23 ,  SCUP,  V. STAZIONE TUSCOLANA (La notte delle streghe)

Banchetti per la raccolta firme a Ladispoli e Santa Marinella

Logo_referendum_socialiLadispoli

Piazza Rossellini Lunedì 6 giugno dalle 17.00 alle 20.00

 

Santa Marinella

Sabato 4 giugno, Passeggiata, dalle 15,30 alle 20.00.
Domenica 5 giugno, Passeggiata, dalle 10.00 alle 13.00.
Sabato 11 giugno, Via Etruria-Baia di ponente, dalle 10.00 alle 13.00.
Domenica 12 giugno, Passeggiata, dalle 10.00  alle 13.00.
Sabato 18 giugno, Piazza Trieste, dalle 16.30 alle 21.00.
Domenica 19 giugno, Passeggiata, dalle ore 10.00 alle ore 13.00.

Dibattito su riforma scuola e Italicum

Logo_referendum_socialiLe riforme volute dal governo  attuale su scuola,  legge elettorale “Italicum” e molti altri aspetti della vita di noi cittadini pongono gravi dubbi e perplessità sulla loro legittimità e costituzionalità.

Vi invito fortemente a partecipare e diffondere la seguente iniziativa nella quale sarà anche possibile firmare per  poter indire i referendum. Saluti. Enrico Del Vescovo

Continua a leggere