Crea sito

Le Perle del Maxiemendamento: Perla n.8

pearson_educationPerla n.8 – Maxiemendamento – connessioni

PERCHE’ LE IMPRESE SI OCCUPANO TANTO DI SCUOLA?

La notizia data da tutti i quotidiani in questi giorni ci può aiutare a capire la ragione dell’interesse. Questo qui sotto, il titolo su sette colonne de Il Sole 24 Ore:

Ieri l’annuncio dopo un anno di trattative: in campo anche i tedeschi di Axel Springer e Bloomberg

Il Finalcial Times ai giapponesi di Nikkei

 

L’interesse per l’acquisto del quotidiano inglese é proprio planetario! Qualcuno penserà che gli Inglesi abbiano rifilato ai poveri Giapponesi la solita “fregatura alla Totò”. Si sa. ormai i quotidiani, la carta stampata, hanno fatto il loro tempo, i nuovi media stanno sconvolgendo tutto!La supposizione è sbagliata: il Financial Times non è affatto un ramo secco, il numero delle copie vendute è in continua crescita, dalle 400 mila nel 2005 sono passati alle 730 mila nel 2014 ma, quel che conta di più, è che quasi 500 mila sono copie per abbonamenti già sottoscritti on–line, già superando il confronto con il digitale.D’altronde, il prezzo di acquisto non è stato proprio in bruscolini: 844 milioni di sterline, quasi 1.200 milioni di euro. Solo nel 2014 l’utile operativo (dopo il pagamento delle tasse) è stato di 24 milioni di sterline (circa 34 milioni di euro). Quindi è sicuramente da scartare l’ipotesi dell’azienda decotta.

Qualche spiegazione dell’accaduto ce la può dare il nome della Spa che ha venduto il giornale, la Pearson. La Pearson non è una semplice casa editrice ma una vera multinazionale con più di 40 mila dipendenti, ed opera in più di 70 stati del pianeta. Ma ciò che la distingue non sono tanto i testi che produce, quanto i test che realizza e somministra.Questa intensa attività di controllo sui sistemi di Istruzione pubblica le ha consentito l’anno scorso di realizzare un fatturato di 1.551 milioni di euro dei quali meno di un terzo (480 milioni) fatturati attraverso il Financial Times.

La Pearson, l’anno scorso, vinse la gara d’appalto per la somministrazione delle prove oggettive e standardizzate ai bambini delle scuole primarie dello Stato di New York. Questo solo servizio consentì alla società l’introito di 32 milioni di dollari. Ma non è stato solo un congruo incasso, si è trattato di un vero e proprio investimento. Infatti le scuole che non hanno raggiunto i livelli previsti dalla società sono costretti ad utilizzare prodotti didattici, schede, libri, filmati, audiovisivi di supporto (ulteriore entrata pluriennale per la società). Anche perché, come ha dichiarato il Governatore Cuomo, se non si adeguano, perdono i finanziamenti pubblici!

Ma non finisce qui, se la scuola arranca nonostante il trattamento Pearson la stessa società verrà incaricata della sua gestione, naturalmente con lauto compenso. 

Voto

Punteggio

A

100-90

B

89-80

C

79-70

D

69-60

E – F

Sotto il 60%

Wikipedia (24-7-2015) ci informa su quale e si quanto si assesti il mercato nei soli USA :

Metodo di valutazione Le valutazioni vengono effettuate con dei test secondo i diversi livelli di approfondimento con i voti espressi in lettere dalla A (eccellente) a F (gravemente insufficiente), e si ripete il corso. I test possono essere settimanali, assegnati per ogni unità del libro di testo, a risposta multipla con risposte brevi, o presentazioni orali di un determinato argomento.”

Questo per tutto il periodo della scuola dell’obbligo dai 6 ai 18 anni, una vera manna che si rinnova e moltiplica di anno in anno gli introiti di chi lucra vendendo numeri, tabelle, classifiche, graduatorie assurdamente inutili e dannosi per la scuola, per i giovani americani, costosissimi per gli stati e per i genitori.

Come dice molto efficacemente Leonardo Malsano, il giornalista de Il Sole 24 Ore, “Pearson è focalizzata sull’area Educational, il Financial Times sul giornalismo.”. Non dice che l’Educational è un settore molto più redditizio dal punto di vista finanziario, e inoltre consente la manipolazione del consenso dei cittadini. Si diffondono ignoranza e malessere a piene mani, con grandi guadagni, evitando il rischio rappresentato dall’ intelligenza, la diffusione della cultura, dell’educazione critica.

P.S.- Chi muore d’invidia per la scuola USA può consolarsi visitando e constatando quanto l’INVALSI sia l’omologo a Pearson visitando il sito: http://www.pearson.it/invalsi. Wikipedia ci informa che le rette a carico dei genitori si aggirano intorno ai 20.000 dollari l’anno per le scuole pubbliche, mentre per quelle private si aggirano sui 60.000 dollari.

Gruppo NoINVALSI

Autoconvocati Scuola – Roma

per scaricare il volantino: Perla n.8 pearson FINANCIAL TIMES