Crea sito

Presidio Precari Scuola -Roma

p.Gli autoconvocati della scuola di Roma e provincia aderiscono al presidio dei Precari Uniti contro i tagli contro le politiche del governo sul precariato che si terrà il 17 Giugno sotto al Miur in viale Trastevere a partire dalle ore 13:00. Diamo appuntamento intorno alle 16:30 sotto al Miur a Viale Trastevere per un incontro operativo per organizzare il seminario per un’analisi dell’esistente e la formulazione di una nostra idea di scuola pubblica, che si terrà verso fine mese primi di luglio.

La nostra posizione sul precariato:

Le condizioni del personale precario sono sensibilmente peggiorate negli ultimi anni a causa della draconiana politica di tagli perseguite da tutti i Governi. Per molti precari della scuola l’assunzione a tempo indeterminato è divenuta un miraggio, ed in molti casi, a causa dell’eliminazione d’intere classi di concorso (vedi emblematicamente la storia dell’arte), la prospettiva dell’assunzione si è trasformata drammaticamente, dopo molti anni d’insegnamento nell’incubo della disoccupazione. L’estensione a dismisura dell’utilizzo del personale precario rispetto alla politica delle assunzioni ha favorito un eccesso di ricattabilità nei confronti di tutto il personale della scuola e di frammentazione delle condizioni di lavoro e dei diritti dei lavoratori stessi. Per questo motivo la lotta storica per l’assunzione a tempo indeterminato su tutti i posti vacanti dopo tre anni di lavoro – diritto riconosciuto anche da una sentenza della Corte Europea – rappresenta un elemento di ricongiunzione e di difesa di tutto il personale della scuola che in tal senso perderebbe quel carattere di frammentazione e disparità di diritti che oggettivamente lo indebolisce. La proposta di reclutamento sulla base della chiamata diretta, poi, oltre a rappresentare un potentissimo strumento di ricatto nei confronti del personale precario da parte dei dirigenti scolastici, accelererebbe il processo in atto di privatizzazione delle scuole con conseguenze gravissime per la scuola. Non dimentichiamo i danni già provocati dalle varie esternalizzazioni dei servizi alla persona (mense, pulizia, assistenza, ecc).

Proponiamo

  • Immissione in ruolo dei precari su tutti i posti vacanti

  • equiparazione dei diritti contrattuali (stipendio, malattie, ferie, permessi)

Per una lettura completa dell’appello per il rilancio dell’inziativa delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola consultare il link