Crea sito

Resoconto della riunione dei lavoratori autoconvocati della scuola sulle elezioni RSU

indexNella riunione dei lavoratori autoconvocati della scuola svolta a Scup il 13 gennaio è stata sottolineata da tutti la grande importanza delle prossime elezioni RSU.

Gli autoconvocati infatti sono nati come “fronte trasversale delle RSU della scuola” e dei lavoratori precari combattivi, che allora non potevano divenire Rsu. Oggi, di fronte all’attacco governativo ai contratti nazionali, di fronte alla proposta di una “buona scuola” di stampo aziendalista e neoliberista, di fronte al sistema nazionale di valutazione e alla sempre maggiore arroganza di alcuni presidi, queste elezioni acquistano ancora più importanza, tanto più che per la prima volta ci sarà anche la possibilità da parte dei precari di partecipare da protagonisti alla tornata elettorale.

Le RSU nella nostra concezione di “autoconvocati” sono un importante strumento di lotta la cui funzione travalica i classici compiti della contrattazione di secondo livello. Per tutti noi i membri delle RSU, data la grande rappresentanza di cui sono investiti (l’80% dei lavoratori hanno votato nelle ultime elezioni delle RSU con un sistema democratico almeno in parte proporzionale) devono essere un vero e proprio baluardo della difesa del contratto, della democrazia scolastica, dell’opposizione a verticismo e dirigismo e devono costituire uno strumento per l’avanzamento complessivo dei lavoratori della scuola promuovendo una generale crescita della consapevolezza dei propri diritti.

Per tutti questi motivi l’assemblea propone la creazione di un documento da far circolare nelle scuole per coinvolgere ed aggregare intorno al programma degli autoconvocati tutti i colleghi che, indipendentemente dal sindacato con cui si candideranno, siano disposti ad impegnarsi nel percorso trasversale ed autonomo degli autoconvocati scuola.

A questi colleghi andrà garantito supporto logistico ed organizzativo ed un adeguata formazione.

L’assemblea ha dato mandato ad un gruppo di lavoro per la elaborazione di una proposta di documento da discutere nella prossima riunione, che verrà redatto attraverso l’aggiornamento del primo appello degli autoconvocati, aggiungendo i temi della “buona scuola”, della sentenza dei precari, del SNV, della Lip ecc. 

Il secondo aspetto che si è stabilito di discutere nella prossima assemblea è l’organizzazione del gruppo degli autoconvocati in commissioni specifiche (sono state proposte commissioni per approfondire le tematiche legate al contratto, al sistema nazionale di valutazione ed all’Invalsi, al precariato, per fare l’aggiornamento della Lip, per migliorare la comunicazione e per seguire il percorso della lotta ai finanziamenti alle scuole private legato alle 4 delibere di iniziativa popolare). Le commissioni si riuniranno tra una riunione “plenaria” e l’altra per sviluppare i singoli temi e tutti i partecipanti al percorso saranno invitati a partecipare ai lavori di almeno una commissione.

Questa forma di organizzazione ci consentirà una maggior efficienza, senza sacrificare l’unità dei percorsi, visto che i membri delle commissioni aggiorneranno tutto il gruppo degli autoconvocati sul lavoro svolto nelle riunioni “plenarie”.

Come autoconvocati scuola saremo presenti alla riunione cittadina organizzata Giovedì pomeriggio dai precari in presidio a Montecitorio.

La prossima riunione degli autoconvocati e del coord. Scuole Roma verrà svolta mercoledì 21 Gennaio alle 17.30 a Scup, via Nola 5 (metro A San Giovanni).

P.S. i ragazzi che ci ospitano allo Scup ci hanno invitati a partecipare alla riunione che faranno domenica alle 15.00 per rispondere alle minacce di sgombero di questo importante spazio sociale. Sarebbe importante perciò garantire la presenza di una nostra delegazione.