Crea sito

Tagli ai distacchi sindacali, saranno penalizzati i precari. Scompare riforma organi collegiali da Decreto Madia

docenti-in-cattedra-470x3131red – Pubblicato in Gazzetta ufficiale il testo della riforma della pubblica amministrazione. Conferme e modifiche. Ok ad abolizione trattenimento in servizio. Scompare la cancellazione per legge del CNPI, almeno per il momento.

Distacchi sindacali

Ma ciò che ha fatto e farà discutere è la cancellazione del 50% dei distacchi sindacali. Si tratta dell’articolo 7 (Prerogative sindacali nelle pubbliche amministrazioni), che vi riportiamo in calce all’articolo.

Secondo quanto leggiamo nella scheda tecnica del provvedimento, il prezzo da pagare sarà attribuito soprattutto ai docenti precari. Infatti, il ritorno in cattedra di questi docenti distaccati portarà ad un calo di supplenze.

Non si tratta di cifre da capogiro, parliamo di un rientro per il comparto scuola di 681 distacchi, dei quali si dovrà decurtare il 50%.

Abrogazione CNPI

Scompare dal testo la cancellazione per Decreto del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione, contenuto nell’articolo 28 di una delle bozze pervenuta alla nostra redazione.

Si sarebbe trattato di una formalizzazione dello stop all’organo del quale non se ne sono più rinnovati i ranghi, ma che è stata contestata dai tribunali.

Nell’articolo scomparso si faceva ampiamente cenno anche ad una riforma degli organi collegiali che, evidentemente, è stata dirottata verso un altro provvedimento.

Trattenimento in servizio

Confermatoa invece, l’abrogazione del trattenimento in servizio che permetterà di liberare qualche posto in più per i precari.

Maggiori  dettagli qui: CdM approva abolizione del trattenimento in servizio oltre l’età pensionabile

Art. 7
(Prerogative sindacali nelle pubbliche amministrazioni)

1.  Ai  fini  della  razionalizzazione  e  riduzione  della   spesa pubblica,  a  decorrere  dal  1°  settembre   2014,   i   contingenti complessivi dei distacchi, aspettative  e  permessi  sindacali,  gia’ attribuiti dalle rispettive disposizioni regolamentari e contrattuali vigenti  al  personale  delle  pubbliche   amministrazioni   di   cui all’articolo 1, comma 2, ivi compreso  quello  dell’articolo  3,  del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, sono ridotti del cinquanta per cento per ciascuna associazione sindacale.

2. Per ciascuna associazione sindacale, la riduzione dei  distacchi di cui al comma 1  e’  operata  con  arrotondamento  delle  eventuali frazioni all’unita’ superiore e non opera nei casi di assegnazione di un solo distacco.

3.  Con  le  procedure  contrattuali  e  negoziali   previste   dai rispettivi ordinamenti puo’ essere  modificata  la  ripartizione  dei contingenti ridefiniti ai sensi dei commi 1 e 2 tra  le  associazioni sindacali.

Il testo del Decreto in GU

da Orizzontescuola.it